Creazione di un giardino ex-novo nel Monferrato

La casa è stata disabitata per tanto tempo, il terreno antistante era pieno di macerie delle varie ristrutturazioni. Il progetto prevedeva un ampio spazio, adibito a prato, tre aiuole che delimitavano il perimetro, e una zona di aromatiche.

Dopo un generoso apporto di terriccio sabbioso per correggere un terreno particolarmente argilloso, sono state create le aiuole di tufo seguendo un desiderata del cliente (che condivido pienamente): Le linee dovevano essere “morbide”, dolci curve per non dare un aspetto troppo rigido e formale al giardino, per contrastare la solida squadratura della casa. E’ venuto qualcosa di bello e originale; un giardino in costante “movimento”.

Per il prato la scelta è caduta su un ottimo prato a rotoli, una miscela di festuca arundinacea e poa pratensis.

Importantissimo l’impianto di irrigazione, indispensabile sopratutto con un prato di queste dimensioni e con questa esposizione (sud). Sono state progettate 4 linee, tre per il prato e 1, gocciolante, per le aiuole.

Precedente Il Giardino Segreto piace anche ai più piccini

Lascia un commento